Pausa Caffè... Bambole "al Naturale"

Se c'era una cosa che mi piaceva davvero fare da piccola era raccattare ritagli di stoffa e fazzoletti in giro per casa e inventarmi nuovi abiti per le mie bambole.
A pensarci bene, è il genere di cosa che potrei mettermi a fare anche adesso, quindi quando ieri sera mi sono imbattuta in questa intervista su youtube [link] non ho potuto fare a meno di informarmi e restare a bocca aperta di fronte alle creazioni di questa mamma Australiana.

Dopo esser stata lasciata a casa dall'azienda per cui lavorava, Sonia Singh ha cercato di tenersi impegnata con qualche lavoretto manuale, tra cui aggiustare alcune bambole danneggiate trovate nei mercatini e dar loro nuova vita con un restyling completo... al naturale.
Le bambole vengono struccate e ripulite. Sonia ridipinge a mano il loro volto inventando ogni volta un personaggio nuovo e unico e vestendo poi la sua creazione con maglioncini e abitini fatti a mano dalla sua socia, sua madre.

Da questo hobby è nato un piccolo negozio Etsy [link] che vende solo una decina di pezzi per volta e che, con le sue ristrutturazioni uniche, ci dimostra quanto più belle potrebbero essere le bambole se non fossero coperte di trucco.

Voi che ne dite?
Se vi avanza un pochino di tempo vi consiglio di dare un'occhiata al sito di Sonia, Tree Change Dolls [link], dove si possono ammirare tutti i prima e dopo.
O magari potete addirittura provare voi stesse a struccare una bambola e ridipingerla al naturale seguendo i consigli contenuti sul suo canale youtube [link].

La mia pausa per oggi è finita.
Buona giornata a tutte e a presto,
Vale

Cavolfiore: sostituto del riso?!


Dopo anni di silenzio (letteralmente, anni!!!) eccomi di nuovo... e cosa vi pubblico?!
Un esperimento col Cavolfiore.

Sento di dover fare una premessa (magari due... facciamo tre).
  1. Questa non è assolutamente una mia invenzione. E' una di quelle idee che spopolano in rete e che, una volta letta, ritroverete OVUNQUE.
  2. Se vi state chiedendo perchè perchè mi sto lanciando in questo esperimento piuttosto che preparare direttamente un buon riso, la risposta è semplice: sto seguendo una dieta rigorosa (sotto supervisione medica, ovviamente) che al momento non comprende riso&co.
  3. Il procedimento che trovate di seguito dovrebbe servire per preparare un sostituto del riso pilaf da accompagnare a un curry o uno stufato.C'è una variante "al salto" che vorrei testare nei prossimi giorni (eventuali aggiornamenti saranno aggiunti alla fine di questo post o, se proprio degni di nota, in un post dedicato), ma questa mi sembrava la più semplice.

Cosa consigliavano di fare le ricette che ho consultato?
Tritare o grattuggiare il cavolfiore fino ad ottenere una consistenza che ricordi il riso.
Cuocere al microonde alla massima temperatura per 7 minuti.
Servire con uno stufato, curry o simile 

Cosa ho usato?
150g di cavolfiore (è una porzione adeguata per un contorno per una persona)
una porzione di spezzatino di pollo ai funghi e zafferano (avanzata dal giorno prima)

Cosa ho fatto?
Ho tagliato le rosette del cavolfiore e le ho passate nel tritaverdure stando attenta a tritare dando solo qualche colpetto veloce al pulsante (tra un passaggio e l'altro mi sono anche messa a scuotere il contenitore per cercare di ottenere un risultato il più uniforme possibile).
Ho poi travasato il cavolfiore tritato in una terrina.
A vista ricordava molto una porzione di cous-cous, ma aveva la consistenza del cocco appena tritato (ovvero restava attaccato al tritaverdure e alcuni pezzi più fini sembravano proprio scaglie di cocco).
Attenzione: il cavolfiore non si gonfia in cottura come il riso, quindi la porzione che avete davanti è quella che vi ritroverete nel piatto alla fine.
Ho poi infilato la terrina nel microonde alla temperatura massima (700/800w) per 6 minuti coprendo con una pellicola per microonde e mi son messa a riscaldare lo spezzatino.
Una volta caldo ho usato, ho forato la pellicola con la forchetta stanto attenta a non bruciarmi col vapore e ci ho aggiunto un filo d'olio e lo spezzatino.
Considerazioni
Come tecnica è piuttosto semplice e veloce però non mi ha convinto al 100%, specialmente considerando quanto viene osannata su alcuni blog di cucina americani che, forse, restano abbagliati dalla conta calorica (150g di cavolfiore = 37,5 kCal; 50g di riso pilaf = 180 kCal).
La consistenza, più che un riso pilaf, ricordava un cous-cous un pochino più cotto del dovuto.
Ha assorbito il sugo efficacemente, ma non si è mantenuto compatto e "al dente" quanto un buon riso e purtroppo non ha soppresso le mie voglie di basmati.

In conclusione, l'idea è carina ma non ci siamo ancora.
Spero che la variante "al salto" (che ho in mente di provare nei prossimi giorni) dia risultati migliori.

Buona giornata e a presto,
Vale

I Preferiti della Settimana


Eccomi di nuovo qui a parlarvi dei preferiti di questa settimana:

1. Fiori di Zucca
Se avete letto il mio ultimo post, saprete che questa settimana ho preso i primi fiori di zucca dell'anno e che mi sono cimentata in due ricette al forno diverse: fiori di zucca ripieni e frittata ai fiori di zucce e semi di senape [link].
Adoro i fiori di zucca e sicuramente cercherò di prenderli di nuovo per preparare un risotto o un altro primo sfizioso, per questo motivo si sono meritati il primo posto tra i miei preferiti della settimana.


2. Labbra dai colori accesi e vivaci
Arancio, corallo, ciliegia! L'estate è la stagione giusta per rischiare coi rossetti!
In questi giorni non ho la pazienza (e per fortuna nemmeno la necessità) di mettere fondotinta e ombretti, molto meglio un trucco semplice con un bel rossetto vivace.
Tra i miei preferiti di quest'ultimo periodo di sono i Long Lasting Colour Lip Marker di Kiko [link] (io li ho presi nei colori "Rosso Geranio - 102" e "Rosso - 105") abbinati al Glossy Balm [link] per un risultato lucido e idratato.
Per chi non li conoscesse, si tratta di veri e propri pennarelli che rilasciano un prodotto che "macchia" le labbra. Il colore asciuga velocemente, non sbiadisce e non macchia bicchieri/tessuti/possibili spasimanti. Sinceramente non sono facili da applicare quanto un rossetto, ma mi piace la tenuta ed il fatto che il colore non sbava e non appiccica.


3. Creme Estive di BuongiornoFreschezza
Per quanto ami cucinare, in questi giorni di caldo non sempre ho voglia di mettermi ai fornelli. Se vi sentite anche voi così, sono felice di consigliarvi le Creme Estive di BuongiornoFreschezza.
Io le ho ecquistata all'Iper e per ora ho provato Carota, Pomodoro e Zucchina.
Sono buone sia tiepide che fredde, si preparano in 3 minuti, contengono poche calorie e la lista degli ingredienti è priva di additivi e conservanti. 


4. Food Lovers in Viaggio di Lonely Planet [link]
Girando per la Feltrinelli, ho trovato questo libro che è immediatamente entrato a far parte della mia wishlist.
Oltre a contenere utili informazioni e bellissime foto che contraddistinguono i foto-libri della Lonely Planet, ha anche una selezione di ricette tipiche e indirizzi per gli amanti del buon cibo.
Qualcosa mi dice che finirà nella mia libreria prima della fine dell'estate!


Volete sbirciare qualche altro preferito?
Selezionate il label "Preferiti della Settimana" [link]


Anticipazioni per la prossima settimana
Ferragosto è alle porte, l'umidità di Milano è insopportabile perciò io e Marco abbiamo deciso di concederci qualche giorno sul Lago di Garda! (Evviva!)


Per oggi è tutto, buon weekend!

Fiori di zucca al forno in due modi diversi


Questa settimana ho trovato i fiori di zucca nel mio supermercato di fiducia (evviva!!) e quindi li ho portati a casa con me anche se la confezione era più grande di quanto avrei voluto.

Marco adora i fiori di zucca ripieni, quindi li ho preparati la sera stessa ed ho poi usato i fiori avanzati in una frittatina qualche giorno dopo.

Ho pensato di pubblicare le ricette nel caso potessero interessare anche a qualcuno di voi.
Buona lettura e Buon Appetito!


Frittata di fiori di zucca e semi di senape al forno

Ingredienti (per 2 persone)
6/8 fiori di zucca
2 uova
1 cucchiaino di semi di senape
sale, pepe, olio a piacere

In una padella antiaderente, tostare i semi di sesamo con un filo d'olio. Dopo qualche minuto, aggiungere i fiori di zucca tagliati in striscioline e un pizzico di sale (ne basta davvero pochissimo).
Scaldare il forno a 180° e sbattere le uova con una forchetta per qualche minuto ed aggiungere un pizzico di pepe. 
Sistemare i fiori di zucca in una piccola teglia foderata con carta da forno (io uso una teglia quadrata 15x15cm).
Appena prima di infornare, versare le uova sopra i fiori di zucca e cuocere il tutto per 15 minuti.
Tagliare a striscioline e servire con un'insalatina verde. Queste frittatine sono ottime anche fredde in un panino (anche voi avete improvvisamente voglia di fare un pic-nic?!)



Fiori di Zucca ripieni al forno

Ingredienti (per 2 persone)
10/15 fiori di zucca
250g di mozzarella (consiglio di usare le ciliegine di mozzarella, vi evitate qualche passaggio)
6 filetti di acciuga
pepe, erbe aromatiche, olio a piacere

Tagliare la mozzarella in pezzetti grandi quanto una ciliegia (o usare direttamente le ciliegine di mozzarella).
Avvolgere mezzo filetto di acciuga intorno alla mozzarella e infilare delicatamente il tutto dentro i fiori di zucca stando attenti a non rompere i petali.
Scaldare il forno a 180° e stendere i fiori su una teglia coperta da carta da forno. Irrorare con qualche goccia di olio e aggiungere una spolverata leggerissima di pepe e (opzionale) qualche erba aromatica. Io ho aggiunto qualche foglia di santoreggia.
Cuocere per 15 minuti e servire i fiori caldi accompagnati magari da un'insalatina di pomodori e basilico.

Via avanza un pochino di mozzarella? Perchè non vi concedete un piccolo aperitivo con qualche bruschettina con mozzarella, acciuga e basilico?! (foto sotto)

Progettando accessori da viaggio


Lo so, l'estate non è un mese per mettersi a lavorare a macchina... però vi giuro che non ho fatto apposta!

E' andata così: Marco mi ha chiesto (per la quarta volta - ops) di fargli l'orlo a un paio di jeans e, per recuperare la macchina da cucire, mi son trovata per puro caso ad armeggiare con tutti i tessuti che ho accumulato negli ultimi anni e che sono attualmente stipati in un cassettone in salotto.

Giocherellando Rimettendo a posto i vari accessori (zip, nastrini, bottoni e toppe), mi è tornata la voglia di creare qualcosa e così ho scelto un tessuto colorato e versatile (nella foto - tessuto Ikea Annbeth - link ), ho messo da parte qualche bottone e nastrino e mi sono messa a cercare ispirazione online (il tutto mentre avrei dovuto fare l'orlo ai jeans, ovviamente).

Dal fare una piccola ricerca al creare un board di pintrest [link], il passo è stato fin troppo breve.

Alla fine ho deciso di impegnarmi a realizzare almeno 4 accessori da viaggio entro la fine di settembre, probabilmente una trousse, un porta pennelli, un porta passaporto e un astuccio per auricolari.
Ce la faro?! Speriamo di si.

Se avete qualche accessorio da consigliarmi, lasciatemi un commento! Spunti e idee sono sempre benvenuti.

Post più popolari