In valigia...



Eccoci tornati al nostro appuntamento estivo del martesì. Quest'oggi vorremmo parlarvi di qualche cosina che non può proprio mancare nelle nostre valigie.

Se vi siete persi il nostro primo appuntamento sull'organizzazione pre-partenza, non temete, potete trovarlo qui [link].


Elisa / Saporidielisa
Quando viaggio nella mia valigia non possono assolutamente mancare due cose: la macchina fotografica e qualche buon libro.

In vacanza ho bisogno di fermare il tempo, di catturare attimi, sogni ed emozioni, e nulla lo può far meglio di una fotocamera. 

Inoltre necessito di ritagliarmi qualche momento di relax - anche durante un viaggio fatto di visite, tour e avventure - e il miglior modo per staccare la spina è leggere un libro, prima di addormentarsi e prepararsi a un'altra giornata di scoperte.


Arianna / E guardo il mondo dal mio blog
Quello che non può assolutamente mancare nella mia valigia è una guida turistica, soprattutto quando vado all'estero.

Una buona guida ti aiuta a scegliere dove mangiare qualcosa di un pò più che commestibile ed a non incappare nei soliti "menù da turista". Di recente ho utilizzato una Lonely Planet per muovermi in Inghilterra e l'ho trovata completa ed esauriente, anche se una cara amica decanta le Routard e, nonostante ne abbia solo sfogliate alcune e mai testate sul campo, vi dirò che mi affiderei ad una di queste due guide, senza cercare oltre.

Un altro elemento immancabile nella mia valigia, oltre alla Reflex, sono le collane. Io le adoro! In qualsiasi stagione mi piace abbinarle ad abitini e t-shirt, fanno sembrare più completo ogni outfit! Mi sento di consigliarvi di provare ad abbinare le scarpe alla collana, invece che alla borsa, visto che ormai non si usa più! In estate è bello osare qualche collana d'ispirazione etnica o più colorata del resto dell'anno. Personalmente mi piacciono quelle con charms un pò retrò: vecchi orologi, gabbiette, chiavi...ne ho un'infinità!
Guardate queste che carine! (Foto via lefrivolezzedib)
 

Alessandra / M.O.M.A. Style Blog
Fare la valigia è tutta una questione di organizzazione (e qualche momento di crisi per i vestiti da lasciare a casa ci sta anche per le non fashion blogger), ma devo dire che con l’età che avanza e una piccola dose di saggezza in più, ho imparato a portare l’essenziale e a rinunciare a quelle cose che sai già di non mettere (tipo il tacco 12, il vestito da sera e i gioielli della comunione).

Ma, al di là dei vestiti, ci sono due cose che nella mia valigia, piccola o grande che sia, non mancheranno mai: per me non è vacanza senza una copia della Settimana Enigmistica da fare da sola o in compagnia (leggasi: chiedere aiuto con nonchalance quando non conosco qualche definizione). Mi rilassa e al contempo non mi fa sentire di mettere troppo il cervello in mutande (il che, per una come me che non riesce mai a staccare del tutto, è un buon compromesso).

Secondo oggetto feticcio: l’iPod. Infilarmi le cuffie in spiaggia, dopo aver fatto il bagno, e mettermi al sole è il mio metodo di resistenza ai raggi e il mio trucco per raggiungere la tintarella. Pensate che sono talmente maniacale che prima di ogni vacanza preparo delle playlist apposite e le rinomino in base al viaggio “Road to Minorca”, “4 Days in Berlin”, “Summer selection”.

Non ci crederete ma ne ho anche una che si intitola “Packing my suitcase”, perché se non ballo quando preparo la valigia, che vacanza sarà mai?


Vale
Per me la valigia è una sfida (specialmente quando si tratta di una temibile valigia a prova di Ryanair) ma ci sono un paio di cose che non potrei proprio lasciare a casa: una borsa di tessuto (possibilmente pieghevole) e un paio di accessori ultra colorati.

Con le nuove regole che impognono di avere un unico bagaglio a mano (niente borsette, tracolle o sacchetti del duty-free), mi sono dovuta adeguare e la prima modifica l'ho fatta proprio alla borsa. Ora porto con me solo borse di tessuto (in estate addirittura mi lancio in borse pieghevoli, sottili, colorate e salva-spazio) che stanno comodamente nella tasca frontale del mio trolley ma che risultano capienti durante i giri in città.

Gli accessori invece sono davvero essenziali per personalizzare il mio aspetto, specialmente visto che tendo a portare con me capi molto semplici e facilmente abbinabili tra loro. I miei accessori preferiti sono quelli che si prestano a più utilizzi, ad esempio una collana che può essere indossata anche come bracciale o un orecchino importante che si sdoppia come spilla. Mi è anche capitato di utilizzare un anello per fermare una sciarpa in maniera un pochino più elegante. Colore e versatilità sono le parole chiave.

Un'ultima cosa, prima di partire, riapro la valigia e tolgo qualcosa (à la Coco Chanel)... altrimenti dove li metto i souvenir?!

Che dite?! Cosa non può proprio mancare nella vostra valigia?


8 commenti:

  1. ahahahahah, mi sento il riassunto di tutte voi messe assieme! difatti porto sempre: macchina fotografica, libro, guida turistica, Ipod e borsa di tessuto. quanto agli accessori, i miei preferiti sono gli orecchini, perciò parto sempre con una scatolina che contiene alcune paia di orecchini in modo da poterli alternare. inoltre, visto che sono una grafomane incallita, nella mia valigia non mancano mai un quaderno e una penna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Guchi,
      Già così la tua valigia mi sembra fornitissima. :D

      Elimina
  2. reflex, libro, mp3, iphone, quaderno e penna.
    cose che avevo pure nello zaino ;0)
    raramente una guida (me la studio prima di partire però)... prendo piuttosto sul posto una cartina della città.
    nessun accessorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daffo,
      Mi sarebbe piaciuto dare una sbirciata al tuo zaino. :)

      Elimina
  3. Eccoti accontentata:

    http://capitandaffo.blogspot.ch/2012/02/e-io-cosa-mi-metto.html

    http://capitandaffo.blogspot.ch/2012/02/ma-non-e-ancora-primavera.html

    Sono due post che scrissi durante i preparativi :0)

    RispondiElimina
  4. La valigia mi mette sempre in crisi ma con le varie restrizioni ormai sono attrezzatissima...come te penso che occorrano una buona dose di creatività e flessibilità...ma uno spazio per la mia reflex lo trovo sempre! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, la macchina fotografica non può proprio mancare.

      Elimina

Grazie per essere passato dal mio blog.
Lascia un commento e sarò felice di risponderti.

Post più popolari