Prima di partire...


Come vi avevo preannunciato qualche giorno fa, nei martedì di Agosto su questo blog si parlerà di viaggi.
Ma invece di proporvi l'elenco delle migliori creme solari o le dieci regole per viaggiare con stile, ho pensato di invitare alcune amiche e blogger per condividere con voi qualche idea sull'organizzazione pre-partenza.

Di seguito troverete qualche piccolo consiglio personale da parte nostra. Alcuni forse li conoscete e utilizzate già, altri potrebbero non essere adatti alle vostre esigenze, ma speriamo comunque che possiate apprezzare questo post e trovare qualche spunto utile. Buona lettura. 


Elisa / Saporidielisa
Quando vado in vacanza, anche solo per un weekend, uno dei preparativi per me fondamentali è scrivere la lista di ciò che devo portare. Non potrei partire senza averne stilata una, perché altrimenti avrei sempre la sensazione di aver dimenticato qualcosa.

Qualche giorno prima prendo un foglio e mi metto a scrivere direttamente davanti all'armadio, in bagno, in cucina (se vado in alloggio), ecc. Se devo acquistare qualcosa, me lo appunto e provvedo a comprarlo.

Quando arriva il momento di preparare le valigie, lo faccio con quel foglio in mano...eheh! 
Me lo dicono tutti che sono precisina...ma solo per alcune cose dai! :P


Alessandra / M.O.M.A. Style Blog
Quando pianifico una vacanza divento puntigliosa (non che non lo sia normalmente nella vita, ma diciamo che quando pianifico un viaggio peggioro notevolmente).
Dacché esiste, lo strumento assolutamente più utile che consulto sempre un po’ come una Bibbia, è TripAdvisor, il famoso social network in cui gli utenti di tutto il mondo possono lasciare opinioni e commenti sulle strutture in cui hanno alloggiato, sui ristoranti e i locali frequentati e così via.

Certo, tavolta alcuni turisti vanno presi con le pinze, c’è chi si lamenta perché in un hotel sperduto in Grecia non servono le vere lasagne alla bolognese e va da sé che questo non è un’osservazione utile, ma ce ne sono molte altre che invece possono orientare positivamente (o negativamente) la vostra vacanza.
Controllate bene le date di pubblicazione delle recensioni: non avete idea della frequenza con cui le strutture alberghiere cambino gestione o tour operator, fattori che ovviamente possono cambiare la vacanza dalla A alla Z e non perdetevi nemmeno le foto caricate dagli utenti, sono le uniche attendibili e realistiche.

Un altro sito che consulto volentieri è Turistipercaso: la sezione forum è ricca di consigli pratici per lo più scritti da viaggiatori esperti e non da viaggiatori dell’ultima ora (quale io mi ritengo) e spesso si trovano anche veri e propri racconti di viaggio che fanno sognare. Da stampare e portarsi in valigia come guida: magari per leggerli in aereo, in treno, in pullman o in macchina (sempre che non siate alla guida, ovvio), farà passare il tempo più velocemente.


Arianna / E guardo il mondo dal mio blog
Per organizzare una vacanza indimenticabile, il mio consiglio è trovare un "tema".
Sì, la vacanza deve essere a tema...vi faccio qualche esempio: voglia di sole e di mare? Progettate una vacanza "scooter & spiagge", noleggiate un motorino, acquistate una mappa ed ogni giorno raggiungete una spiaggia diversa.
Voglia di fresco e di montagna? La vostra vacanza potrebbe essere "trekking & fiori": prima di partire realizzate un erbario ed organizzate escursioni per raccogliere, foglie e fiori da collezionare.

Quando inizio a progettare una vacanza, solitamente prendo un bel blocco bianco ed inizio a buttar giù idee, indirizzi, dritte che scovo su Internet, poi faccio una scrematura e prima di partire verifico ogni dettaglio (documenti di prenotazione hotel e treno/aereo).

Non dimenticate di tenere d'occhio il meteo della zona in cui siete diretti! Solitamente mi affido a ilmeteo.it che azzarda previsioni fino a 15 gg prima!


Vale
Indipendentemente dal tipo di vacanza che sceglo, cerco sempre di ricordarmi di non programmare ogni secondo della giornata e di non strafare.

Lo so, quando si sta progettando una vacanza è facile lasciarsi trasportare dall'entusiasmo e cercare di infilare di tutto nel proprio programma di viaggio... ma ne vale davvero la pena?!
Lavorando in nave mi capitava spesso di trovarmi davanti passeggeri che, in sette giorni di crociera, si aspettavano di riuscire a vedere tutte le principali attrazioni delle città in cui facevamo scalo, trasformando la vacanza in un tour-de-force. Vi posso assicurare cha a fine giornata sembravano più nervosi che felici.

Dopotutto, a volte riuscire a ritagliarsi una mezz'ora per fare una pennichella nel parco o per perdersi nel centro storico può fare la differenza tra una vacanza interessante ed una memorabile.


E voi, avete qualche consiglio da condividere?


16 commenti:

  1. arrivo incuriosita sul tuo post consigliato da Elisa! :) oddio, e con lei mi ci ritrovo proprio!! ho il "taccuino di viaggio", dove appunto tutto per non dimenticarmi niente! e... a proposito di tour de force, io ne ero una esperta. e poi, "invecchiando" (ehi, sono ancora giovane eh! però ho iniziato a viaggiare a 14 anni!!), ho capito che chiacchierare in un cafè a MontMartre mentre fuori scende la neve, vale più di qualsiasi museo! bacino! sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena,
      Anche se ogniungo di noi in fondo vive i viaggi in modo diverso, penso che certe esperienze siano universali e che sia importante imparare a godersi anche gli aspetti meno tangibili di una nuova città... come l'atmosfera, o la luce, o il piacere di una conversazione a Mont Martre.
      Grazie per la visita e per il commento. A presto.

      Elimina
  2. Faccio anch'io la lista di cosa portarmi appresso in valigia e non solo, ogni tanto il viaggio è a tema, per quanto riguarda i dettagli.... ecco, ogni tanto non mi informo a dovere (diciamo che leggo libri di viaggio e meno le guide... e forse in questo pecco un po' - dovrei informarmi meglio, aggiornarmi e su questo hai ragione).
    I miei primi viaggi erano tour de force per visitare quanto più possibile, ma ora davvero faccio una scelta e mi godo di più la vacanza: meno musei e più relax in qualche bistrot all'angolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daffo,
      Mi fa piacere sapere che ti ritrovi con alcune delle cose che abbiamo scritto. Sarei davvero curiosa di ricevere qualche consiglio anche da te... Fare il cammino dev'esser stata una sfida (non solo dal punto fisico)...
      Come ti sei preparata alla partenza?
      Hai qualche perla di saggezza da condividere?

      Elimina
  3. io come ha scritto qualcuno, forse tu madie, programmo l'essenziale. Credo che il bello della vacanza sia portare con se le cose che ci fanno stare bene, dopo di chè se voglio uscire mi organizzo in vacanza. Altrimenti dormo: anche oziare sotto una palma è vacanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente...
      E dopo il pranzo di oggi, ozierei anch'io volentieri sotto una palma per il resto della giornata... :)

      Elimina
    2. vuoi mettere? pancia piena, ombra di palma...cullati dal dolce rumore delle onde...

      Elimina
    3. Eh si, un bel pensiero... peccato però che mi tocca restare qui in ufficio ancora per qualche ora... appena arrivo a casa mi concedo un bel pisolino...

      Elimina
  4. In effetti nella mia mania organizzativa mi sono dimenticata di citare le liste :D Anche quelle sono parte integrante della mia vacanza!
    Mi fa piacere far parte di questa tua iniziativa blogghifera!
    un bacione

    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra,
      Son contenta che il risultato del nostro duro lavoro ti piaccia! Son curiosa di vedere cosa salterà fuori la prossima settimana... :)

      Elimina
  5. pensa che "lista" è il mio secondo nome!! anch'io metto per iscritto con qualche giorno di anticipo ciò che mi serve, un buon sistema per vincere la mia sbadataggine cronica. consulto anche il meteo, così come butto un occhio alle recensioni degli hotel prima di prenotare. la cosa del tema è una buona idea, peccato che, visto che i viaggi "importanti" li faccio sempre in compagnia di mio marito, sappia che il tema fisso e impossibile da modificare sia "arte"... che va anche bene, per carità, è che a volte io vorrei metterci vicino qualcos'altro!! e infine sono d'accordo al 100% con te, Madie, sul non strafare, sennò alla fine uno si stanca più in vacanza che al lavoro e non riesce nemmeno ad assimilare tutte le cose belle che vede!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Guchi,
      Organizzare un viaggio quando si hanno gusti o interessi anche leggermente diversi può essere una vera sfida. Avete mai pensato di passare una mezza giornata di vacanza separati?
      Potrebbe essere un'idea, vi permetterebbe di assecondare i vostri interessi e di avere qualcosa di interessante da raccontarvi a fine giornata... :)

      Elimina
    2. in effetti è una buona idea, e anche fattibile, ora che i figli non sono più piccoli.

      Elimina
  6. Questa iniziativa mi piace molto!!!!
    La lista della mia valigia è maniacale e dettagliata ci metto anche
    ago filo e non solo ci scrivo pure documenti, biglietti soldi
    manca solo che scriva....marito!!!!!!
    Sono d'accordo la vacanza non deve diventare un Tour De Force certi giorni è bello passarli anche passeggiando oppure oziando in una panchina in un parco .....se rallentiamo vediamo molte più cose e dettagli!!!!!
    Un saluto a tutte
    Baci GIò

    RispondiElimina
  7. Ciao Giò,
    Concordo, rallentare ci permette di vedere angoli e prospettive che, correndo da un posto all'altro, finiremmo per non notere nemmeno.
    Grazie per il commento e i complimenti (quelli fanno sempre piacere!). ;P

    RispondiElimina

Grazie per essere passato dal mio blog.
Lascia un commento e sarò felice di risponderti.

Post più popolari